Stampa
Categoria: ESUBERI SAIT
Visite: 615

Lamberto Avanzo, Segretario Generale Fisascat Cisl del Trentino: "Trattare comunque fino all’ultimo giorno: poi decideranno i lavoratori e le lavoratrici di Sait!".

 

Ieri Fisascat e Uiltucs hanno tenuto un’assemblea dei lavoratori SAIT nella sede di via Innsbruck.

All’ordine del giorno c’era l’aggiornamento della situazione venutasi a creare durante la procedura di licenziamento collettivo, nella quale l’azienda ha posto al tavolo, come condizione indispensabile per la riduzione degli esuberi, il sensibile aumento della produttività nel magazzino generi vari. Inutile dire che i lavoratori interessati non hanno accolto questa proposta aziendale che, oltre a legare il raggiungimento della produttività all’erogazione dei premi variabili dati dal contratto integrativo, è altamente discriminante vista la valenza nel solo magazzino generi vari.

Si registra anche l’assoluta assenza di alternative ai licenziamenti del personale di uffici e Liberty Gross e anche questa risulta essere una condizione assolutamente non accettabile.

«Abbiamo presentato lo stato della trattativa - spiega Lamberto Avanzo della Fisascat Cisl del Trentino.

Sulla questione posta dal Sait della produttività del magazzino generi vari, con la proposta di salire da 115 a 135 colli all'ora, un obiettivo inarrivabile con la dotazione attuale, gli animi si sono scaldati.

Abbiamo comunque il mandato a trattare e a riportare in assemblea un eventuale accordo.

Ma prenderemo in considerazione le proposte Sait sulla produttività se collegate a una riduzione degli esuberi molto superiore al 25%».

Martedì 19 dicembre nuovo incontro presso la sede del Servizio Lavoro.

 

 

 

ISCRIVITI ALLA CISL: INSIEME E' MEGLIO!

 

Immagini, grafica e impaginazione by Alberto Pontalti