Stampa
Categoria: ESUBERI SAIT
Visite: 1674

Il Segretario Generale della Fisascat Cisl Lamberto Avanzo: " Sait, relazioni sindacali a rischio".

 

  TRENTO 1° LUGLIO 2016 - COMUNICATO STAMPA UNITARIO

 

“SAIT : RELAZIONI SINDACALI AL BIVIO”

 

Il cambiamento era nell’aria, annunciato a più riprese nei mesi scorsi dal Presidente Dalpalù, ancor prima della nomina del nuovo Direttore generale di Sait: Luca Picciarelli. Mai come oggi, i dipendenti del Consorzio della cooperazione di consumo trentina si trovano a guardare al loro futuro con la consapevolezza che nulla sarà come prima, tra nuovi e desiderati piani di rilancio commerciale e voci di esuberi – a tutti i livelli – sempre più ricorrenti nelle ultime settimane. Molti intravedono una modifica sostanziale nel DNA stesso di SAIT con l’abbandono dei valori cooperativi fondanti e l’adesione ai nuovi dogmi del business imperanti nella GDO. Per i lavoratori questo significa l’abbandono progressivo del sistema di relazioni industriali che, nel tempo, aveva garantito la possibilità di critica costruttiva da parte dei lavoratori alle politiche aziendali per tramite delle Organizzazioni sindacali e il rinnovo - tra alti e bassi - della contrattazione aziendale. Il confronto, anche acceso, ha contribuito a generare un clima di lavoro positivo tra i dipendenti, orgogliosi di appartenere ad una azienda che ha sempre dichiarato di voler mettere al centro del proprio interesse il benessere del lavoratore in quanto individuo. Nonostante molto in merito fosse già cambiato negli ultimi anni.

La crisi dei consumi in Sait è cosa nota. Nessuno – tanto meno i dipendenti – vuole mettere in discussione la necessità che il Consorzio riveda – come sta facendo – le proprie politiche commerciali. Da queste dipende il successo di un’azienda che si trova a confrontarsi in un territorio assai ristretto, con competitors assai aggressivi e organizzati. Tuttavia, FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL e UILTUCS UIL non ritengono accettabile lo stravolgimento delle relazioni sindacali, facendosi portavoce del malcontento dei dipendenti, costretti ad apprendere dalle pagine dei giornali le mosse commerciali di SAIT e ad interrogarsi – senza avere risposta – in merito alle voci di esubero personale. Rispetto alle quali l’azienda non ha preso finora posizione ufficiale. Proprio per comprendere le mosse future di SAIT e le ripercussioni sulla forza lavoro in essere, le Organizzazioni sindacali avevano richiesto, subito dopo l’insediamento del nuovo Direttore generale, lo scorso 11 aprile, la disponibilità da parte aziendale ad effettuare un incontro alla presenza delle RSA. Dopo aver concordato da tempo la data del 29 giugno, SAIT ha voluto comunicare la volontà di rinviare lo stesso, senza stabilire nuove date, vista e considerata:” L’assenza di argomenti o problemi in discussione di una certa rilevanza”. Un rinvio che non lascia presagire nulla di buono, se non la volontà di parte aziendale, di procrastinare il confronto a non meglio definiti tempi futuri. In piena coerenza con le dichiarazioni ricorrenti di una decisa svolta verso “relazioni sindacali che non saranno più quelle di una volta”.

Ora sono i dipendenti – l’unica vera chiave del successo del Consorzio - ad interrogarsi e chiedere chiarezza anche rispetto ad alcune affermazioni del loro Presidente. Era stato infatti Dalpalù a dichiarare: “La necessità di coniugare i principi cooperativi con i nuovi scenari in cui la GDO deve confrontarsi” e ad auspicare in un’intervista rilasciata Il 29 maggio scorso l’avvento di: “Nuove forme di compartecipazione dei lavoratori all’azienda” da ragionare con i sindacati”. Per queste ragioni, FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL e UILTUCS UIL provvederanno nei prossimi giorni ad inoltrare una nuova richiesta di incontro, nella consapevolezza che le paure dei dipendenti, le nuove scelte aziendali in merito al proseguimento del confronto sindacale, la conservazione dei valori cooperativi siano per l’appunto problemi “di una certa rilevanza”. La risposta sindacale, di fronte ad un nuovo rifiuto, non potrà che essere adeguata al nuovo mutato scenario delle relazioni sindacali.

 

  Per Uiltucs Uil             Per Fisascat Cisl            Per Filcams Cgil

 Matteo Salvetti            Lamberto Avanzo           Roland Caramelle

 

 

 LA RASSEGNA STAMPA

 

GIORNALE ADIGE - sabato 2 luglio 2016

 

 

 

GIORNALE CORRIERE DEL TRENTINO - sabato 2 luglio 2016

 

 

 

 

ISCRIVITI ALLA CISL: INSIEME E' MEGLIO!

Immagini, grafica e impaginazione by Alberto Pontalti